Ciao Sergio! (questa volta in italiano)

Image

Pochi anni fa, dopo una lunga assenza, sono andata alla sede di Torre Argentina. Fuori qualche cancello di ferro in piu’ ma dentro lo stesso fumo come per dire: qua le regole che non ci piacciono non entrano. Punto.

Ho chiesto notizie di svariati compagni, alcuni li ho contattati, altri no, alcuni mi hanno risposto, altri no. Non ho osato chiedere di Sergio. Ma scendendo me lo sono visto al bar e c’e’ mancato poco che lo prendessi in braccio con sedia a rotelle, sciarpa rossa e tutto… Oggi, quando Paolo mi ha dato la notizia l’immortalita’ con la quale l’avevo investito quel giorno e caduta come una foglia che si stacca dall’albero… gialla e rossa, silenziosa e senza ritorno.

Caro Sergio,
nessuno puo’ dire che te la saresti svignata, ma mi mancheranno i vaffanculo che sapevi gridare con veemenza ma anche con il sorriso di chi sa perdonare perche’ stavo proprio per venire a cercare te e certo, anche gli altri vecchi compagni, per raccontare cosa sta succedendo in questo piccolo paese tragico nella sua isolazione mal vissuta dove ho avuto la brillante idea di ritornare… Guarda che sarebbe stato pane per i tuoi denti: violazione di tutti i diritti, dittatura al sugo e in bianco… di tutto per tutti… dovrei clonare 3 Dupuis e Lensi e Stango e Busdachin e Boselli etc e non mi basterebbero per quello che c’e’ da fare… E tu te ne vai?… Beh, capisco che vuoi vedere un po’ anche da quelle parti come stanno le cose, ma guarda che secondo me non fa proprio per te e se fai casino e continui a fumare quel sigaro puzzolente ti mettono dalla parte di quelli paffutelli con le ali ancora piu’ noiosi, come punizione… Meno male che mi sono data nel frattempo all’antroposofia, cosi’ me la cavo con la reincarnazione…

Mi sono riguardata delle fotografie… Sorprendentemente poche nella rete… Ma il mio album e’ pieno del tuo sorriso, echeggia della tua risata e sento il tuo abbraccio, e la tenerezza malcelata dietro le prese in giro, l’ironia mai senza autoironia e la forza, il coraggio di chi non scende a compromessi e non si da per vinto mai.
Oggi scrivendo nel mio blog in ungherese nel tentativo di invogliare piu’ gente a venire ad una discussione sul tema “C’e’ vita dopo la politica?” mi sono trovata a scrivere di te. In effetti alla fine ho pure dato questo stesso titolo, che avevo immaginato per la lettera in italiano… e non ho piu’ scritto niente sul incontro di lunedi’ dove voglio parlare proprio del modo di fare politica a livello traspartito… Ti sarebbero piaciuti i commenti perche’ sai, e’ piu’ facile scrivere dei superlativi cosi’, alle spalle… se li dico a te mi mandi a quel paese ridendo e tossendo e poi mi ti strozzi… manaccia!

Come si fa a gestire il dolore per qualcuno che ti stava dentro il cuore e dentro tutte le cose che facevi bene, quando le facevi nonostante un’assenza fisica quasi totale? Mi dirai che proprio in questo caso non c’e’ niente da gestire il che e’ piu’ che logico, ma allora che faccio qua in lacrime per l’ennesima volta nella giornata e con questa voglia di far sentire anche la mia voce tra tutti gli altri che ti hanno voluto bene, con i quali hai litigato, lottato, sperato e gioito decenni o anni ed i quali darebbero non so cosa per farsi mandare al diavolo da te ancora una volta. Non lo so. Queste sono cose che non si sanno.

So solo che ti voglio bene e che voglio anch’io dire a 90 anni due giorni prima di morire che sto incominciando a sentire il peso dell’eta’… Perche’ nel tuo caso e’ stato proprio cosi’: te ne sei fregato di tutto nella tua decisione di combattere sempre, andando fino in fondo, senza tregua, senza pausa, te ne sei fregato anche degli anni: hai scelto di lottare fino al ultimo giorno. Neanche io chiedo di piu’. Grazie di avermelo insegnato.

Ti voglio bene, Sergio.
Anna

Reklámok

Vélemény, hozzászólás?

Adatok megadása vagy bejelentkezés valamelyik ikonnal:

WordPress.com Logo

Hozzászólhat a WordPress.com felhasználói fiók használatával. Kilépés / Módosítás )

Twitter kép

Hozzászólhat a Twitter felhasználói fiók használatával. Kilépés / Módosítás )

Facebook kép

Hozzászólhat a Facebook felhasználói fiók használatával. Kilépés / Módosítás )

Google+ kép

Hozzászólhat a Google+ felhasználói fiók használatával. Kilépés / Módosítás )

Kapcsolódás: %s